Il Fondo a sostegno dell’impresa femminile

CARATTERISTICHE

Finalità

Il Fondo a sostegno dell’impresa femminile è stato istituito dall’articolo 1, comma 97, della legge 30 dicembre 2020, n. 178 (recante “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2021 e bilancio pluriennale per il triennio 2021-2023”), con una dotazione di 40 milioni di euro, al fine di promuovere e sostenere l’avvio e il rafforzamento dell’imprenditoria femminile, la diffusione dei valori dell’imprenditorialità e del lavoro tra la popolazione femminile e di massimizzare il contributo quantitativo e qualitativo delle donne allo sviluppo economico e sociale del Paese.
Il Fondo è istituito nello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico, che si avvale, in qualità di Soggetto gestore, dell’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.A. – Invitalia.

Beneficiari

Il Fondo è volto a sostenere imprese femminili (intese come imprese a prevalente partecipazione femminile e lavoratrici autonome) di qualsiasi dimensione, con sede legale e/o operativa ubicata su tutto il territorio nazionale, già costituite o di nuova costituzione, attraverso la concessione di agevolazioni nell’ambito di una delle due seguenti linee di azione:

  • incentivi per la nascita e lo sviluppo delle imprese femminili;
  • incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili.

In particolare, possono beneficiare degli “incentivi per la nascita e lo sviluppo delle imprese femminili” di cui alla precedente lettera a), le imprese femminili costituite da meno di dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, e le lavoratrici autonome in possesso della partita IVA aperta da meno di dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione. Possono presentare domanda, inoltre, le persone fisiche che intendono costituire una nuova impresa femminile.
Possono beneficiare degli “incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili” di cui alla precedente lettera b), le imprese femminili costituite da almeno dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, e le lavoratrici autonome in possesso della partita IVA aperta da almeno dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione.

Agevolazione Concedibile

Le agevolazioni sono concesse ai sensi e nei limiti dell’articolo 22 (“Aiuti alle imprese in fase di avviamento”) del Regolamento (UE) n. 651/2014 della Commissione (Regolamento GBER) ovvero, per le imprese che non soddisfino le condizioni dei cui al predetto articolo 22 del Regolamento GBER, ai sensi del Regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione (Regolamento «de minimis») ed assumono la forma del contributo a fondo perduto e del finanziamento agevolato, anche in combinazione tra loro.
Il finanziamento, della durata massima di 8 anni, è a tasso zero e non è assistito da forme di garanzia.
La forma e la misura delle agevolazioni sono articolate in funzione delle linee di azione e dell’ammontare delle spese ammissibili previste nei programmi di investimento. In particolare:

  • per gli incentivi per la nascita e lo sviluppo delle imprese femminili, le agevolazioni assumono la sola forma del contributo a fondo perduto per un importo massimo pari a:
    • 80% delle spese ammissibili e comunque fino a euro 50.000,00, per i programmi di investimento che prevedono spese ammissibili non superiori a euro 100.000,00;
    • 50% delle spese ammissibili, per i programmi di investimento che prevedono spese ammissibili superiori a euro 100.000,00 e fino a euro 250.000,00;
  • per gli incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili, le agevolazioni assumono la forma sia del contributo a fondo perduto sia del finanziamento agevolato e sono articolate come di seguito indicato:
    • per le imprese femminili costituite da non più di 36 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, le agevolazioni sono concesse fino a copertura dell’’80% delle spese ammissibili, in egual misura in forma di contributo a fondo perduto e in forma di finanziamento agevolato;
    • per le imprese femminili costituite da oltre 36 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, le agevolazioni sono concesse come al punto precedente in relazione alle spese di investimento, mentre le esigenze di capitale circolante costituenti spese ammissibili sono agevolate nella forma del contributo a fondo perduto.

Spese Ammissibili

Costituiscono spese ammissibili alle predette agevolazioni le spese relative a immobilizzazioni materiali e immateriali, servizi cloud funzionali ai processi portanti della gestione aziendale, personale dipendente ed esigenze di capitale circolante, alle condizioni e nei limiti stabiliti dal decreto interministeriale.

Presentazione Istanza

Le agevolazioni sono concesse con una procedura valutativa a sportello.
Le domande di agevolazione devono essere compilate esclusivamente per via elettronica, utilizzando la procedura informatica che sarà messa a disposizione in un’apposita sezione del sito internet del Soggetto gestore, www.invitalia.it .

L’apertura dei termini, le modalità per la presentazione delle domande di agevolazione saranno definite dal Ministero dello sviluppo economico con successivo provvedimento, con il quale saranno, altresì, fornite le necessarie specificazioni per la corretta attuazione degli interventi.

Ultimi Articoli

Startup, finanziamento agevolato con Confidi PMI Campania

Nel panorama imprenditoriale sempre più dinamico e competitivo della Campania, le startup rappresentano un'importante fonte di innovazione e sviluppo economico. Tuttavia, avviare e far crescere una...

Gestione PMI: Suggerimenti, Pianificazione e Flusso di Cassa

Gestione PMI: Il ruolo di Confidi PMI Campania nella consulenza finanziaria La gestione finanziaria rappresenta un elemento chiave per il successo delle Piccole e Medie Imprese (PMI). In un contesto...

Accordo Confidi e BCC: una partnership a favore delle PMI

La recente sottoscrizione della convenzione tra la Banca di Credito Cooperativo (BCC) Terra di Lavoro e il Confidi PMI Campania porta con sé importanti implicazioni per le imprese locali. Questa...

Garanzia a valere sui Fondi MIMIT: un’opportunità per le PMI

La garanzia a valere sui Fondi MIMIT è un importante strumento messo a disposizione per le piccole e medie imprese (PMI) dal Ministero dello Sviluppo Economico (MISE). Lo scopo è sostenere e...

Medio Credito Centrale e sinergia tra banche e Confidi

Nel vasto panorama del mondo finanziario, le Piccole e Medie Imprese (PMI) giocano un ruolo cruciale nell'economia, contribuendo alla creazione di occupazione e alla crescita economica del paese....

Garanzia Confidi: come funziona e cosa offre

Le piccole e medie imprese (PMI) rappresentano il tessuto pulsante dell'economia. Tuttavia, queste aziende spesso incontrano difficoltà nell'accesso al credito, ostacolo che ne limita la...

Fondo di garanzia pmi, per imprese in momentanea difficoltà economica

Sostenuto dal fondo di legge 108/96 del Ministero dell’Economia e delle Finanze, il Confidi PMI Campania offre un fondo di garanzia fino al 100% per facilitare l’accesso al credito bancario a...

Convocazione Assemblea Ordinaria dei Soci

I signori Soci sono convocati in Assemblea Ordinaria presso la sede del CONFIDI PMI CAMPANIA Sccarl in Napoli alla Via San Giacomo, 32 per il giorno 29 Aprile 2024 alle ore 7:00 in prima convocazione…

Patto Antiusura: una risposta concreta alle difficoltà del Sud

Firmato il patto antiusura tra BCC di Napoli e Confidi PMI Campania - Il pronto soccorso finanziario per le piccole imprese. Il 18 marzo è stato firmato un patto antiusura tra Banca di Credito...

Convocazione Assemblea Ordinaria dei Soci

I signori Soci sono convocati in Assemblea Ordinaria presso la sede del CONFIDI PMI CAMPANIA Sccarl in Napoli alla Via San Giacomo, 32 per il giorno 13 giugno 2023 alle ore 8:00 in prima convocazione…

Compila il Form
Per Maggiori informazioni

Privaci Policy

4 + 9 =

[anr-captcha]